Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

S.S.D. PRO SESTO
Domenica 15 Settembre 2019 - Non ci sono ancora commenti

MONNI E DI RENZO LANCIANO LA PRO!

Bolzano – un sigillo di Di Renzo consente alla Pro Sesto di ottenere il terzo successo in campionato. In un pomeriggio rovente, la squadra sestese si è portata in vantaggio con Monni disputando un primo tempo attento e senza grandi rischi. Nella ripresa la reazione dei padroni di casa, trascinati da un incontenibile Elis Kaptina,  ha portato al punto del pareggio. Quando la gara sembrava incanalata sulla divisione della posta ecco il guizzo di Di Renzo, lanciato da Capelli, che ha consentito di tornare dal “Righi” con il bottino pieno.

La cronaca - Un pomeriggio torrido da piena estate accoglie Viganò e compagni al Campo “Righi” di Bolzano per il 4^ turno del campionato di serie D.  Mister Francesco Parravicini conferma il modulo e l’undici che ha superato il Brusaporto nel turno infrasettimanale mentre il tecnico di casa, Alfredo Sebastiani - ancora alla ricerca dei primi punti e della prima rete stagionale in campionato – sceglie un 4-3-1-2 con l’esperto Bacher chiamato ad ispirare la coppia composta da Elis Kaptina e Koni.

La prima occasione degna di cronaca arriva al 7’:  spunto da destra di Kicaj e traversone sul palo lontano sul quale Koni salta più in alto di tutti ma travolge fallosamente Tamma.  L’avvio dei biancorossi, decisissimi a cancellare la casella “0” alla voce “punti in classifica”, è di buona intensità: ci prova poi Cremonini da lontano, ma Tamma è attento. Il primo squillo sestese arriva al 10’, con Gattoni che calcia su invito di Scapuzzi: rasoterra violento murato con il corpo da Kiem.

Minuto 14’: Gattoni subisce fallo a metà campo. Gualdi si impossessa del pallone e calcia immediatamente la punizione in avanti: la difesa di casa è colta di sorpresa, Monni si fa largo di forza su Kiem e con un colpo sotto trafigge Weiss in uscita disperata siglando così il gol che sblocca la gara!

La reazione dei padroni di casa arriva pochi istanti dopo: percussione dalla sinistra di Elis Kaptina e conclusione con il piatto destro sul palo lontano: Tamma è attento e blocca. Mister Sebastiani spende subito una sostituzione: fuori Bacher, in campo il classe 2000 Pasha e squadra che passa ad un più offensivo 4-3-3: Parravicini scambia gli interpreti esterni, con Cominetti spostato a sinistra e Scapuzzi a destra.

La Pro Sesto cresce di intensità, con Gualdi, Gattoni e Scapuzzi che elevano i giri del motore: al 28’ movimento pregevole di Monni che manda fuori tempo l’avversario diretto e, da sinistra, serve Cominetti: il numero 11 sestese supera Rizzon di slancio e conclude con l’interno destro: il palo salva gli alto atesini dalla seconda rete.

Mister Sebastiani pesca nuovamente dalla panchina: fuori De Santis e dentro Menghin, che si posiziona come terzino destro: sulla corsia mancina biancorossa trasloca Kicaj. Al 35’ Cremonini conquista un piazzato dal lato corto dell’area: arriva il primo corner della gara ma i padroni di casa non riescono ad impensierire Tamma. Poco dopo arriva il primo giallo della gara: sanzionato Scapuzzi per un intervento scomposto sulla trequarti.  Al 38’ arriva l’iniziativa più pericolosa dei padroni di casa firmata da Elis Kaptina: l’attaccante difende bene la sfera e, in rotazione, calcia verso Tamma. L’estremo difensore biancoceleste si distende in tuffo e sporca la conclusione in angolo. L’ultimo sussulto della prima frazione arriva al 39’, quando Viganò e compagni protestano per una trattenuta di Bounou in area di rigore  su azione d’angolo di Omayer: il direttore di gara fa proseguire.

Nessun cambio deciso dai due tecnici durante l’intervallo: si riprende con un bello spunto di Kicaj al 5’, che porta in dote un corner: dalla bandierina chiusura in corner da

Al 5’ sprint di Kicaj sulla sinistra, Viganò devia di petto in angolo: su azione dalla bandierina altra chiusura difensiva sestese. Mister Parravicini effettua la prima sostituzione al 52’: Cominetti lascia il posto a Di Renzo e la squadra passa al 4-4-2 con Omayer dirottato in fascia. La risposta di Sebastiani è l’inserimento di Forti per Koni e uno schieramento che torna al 4-3-1-2 con lo stesso Forti che agirà da trequartista.

Gli alto atesini si accendono a fiammate: al 55’ da azione d’angolo Rizzon trova una deviazione sottomisura che mette i brividi a Tamma, con la sfera che si spegne di poco a lato. I biancorossi spingono al massimo sul pedale del gas, trascinati da un Elis Kaptina in crescita: al 63’ l’attaccante sfonda da sinistra e calcia di forza sul primo palo: puntuale Tamma nel coprire il legno e concedere solo il corner.

Mister Parravicini opera due cambi al 63’: Bosco rileva Amato nel ruolo di terzino sinistro, mentre Crosariol sostituisce Scapuzzi in mediana. Poco dopo spazio anche a Capelli in luogo di Monni, con Di Renzo riferimento centrale. Al 70’ Giubilato stende Bounou al vertice dell’area di rigore: ammonizione e piazzato che Arnaldo Kaptina calcia di forza, palla che sorvola di poco la traversa. Cresce l’intensità offensiva dei padroni di casa: al 72’ altro siluro di Elis Kaptina e altra risposta di Tamma in corner. Passano 4’ e i biancorossi pareggiano: azione insistita sul binario destro sestese, scambio tra Elis Kaptina e un compagno e pallone di ritorno al numero 7 che supera Tamma sul palo più lontano e riporta il match in equilibrio.

Il pareggio mette le ali alla squadra alto atesini: Caverzasi è costretto a spendere un giallo per contenere Pasha, sulla successiva azione d’angolo si accende una mischia furibonda davanti a Tamma con Bosco e Gattoni provvidenziali nell’allontanare la sfera dal controllo del solito Elis Kaptina. E’ poi Caverzasi che pulisce l’area di rigore da un velenoso cross di Kicaj.

La reazione sestese è affidata a due incursioni di Di Renzo e Capelli, con quest’ultimo che al minuto 80 supera due avversari al limite e conclude di poco alla destra di Weiss. Il finale è infuocato, con entrambe le squadre che si gettano alla ricerca del vantaggio nonostante la stanchezza: al minuto 88’ Forti perde un pallone in mediana, Capelli raccoglie la sfera e con un lancio millimetrico pesca Di Renzo in posizione centrale. L’attaccante si invola verso la porta, sterza verso l’esterno superando Weiss e da posizione defilata calcia sul palo più lontano: la Pro Sesto torna in vantaggio a 120’’ dal termine.

Nei concitatissimi minuti di recupero si segnalano solo le proteste di Arnaldo Captina per un contatto con Caverzasi in area di rigore: dopo 4’ di extra time arriva il fischio liberatorio del sig. Rizzello,  che certifica il 3 successo in campionato per l’undici di Parravicini.

 

VIRTUS BOLZANO – PRO SESTO 1-2 (0-1)

Virtus Bolzano (4-3-1-2): Weiss; Kicaj, Kiem, Rizzon, De Santis (31’ Menghin); Bounou, A. Kaptina, Cremonini; Bacher (22’Pasha); E. Kaptina, Koni (53’ Forti) (Guido Piai; Pinton, Recedive, Timpone, Sanogo, Jamai,) All. Sebastiani.

Pro Sesto (4-1-4-1): Tamma; Giubilato, Caverzasi, Viganò, Amato (63’ Bosco); Gattoni; Cominetti (52’ Di Renzo), Gualdi, Omayer, Scapuzzi (63’ Crosariol); Monni (65’ Capelli). (Cioffi, Bettoni, Carnevale, Romano). All. Parravicini 

Arbitro: Sig.Rizzello di Casarano (Tortolo – Papa)

Marcatori: 14’ Monni (P), 76’ E. Kaptina (VB), 88’ Di Renzo (P).

Ammoniti: Scapuzzi (P), Omayer (P), Giubilato (P), Caverzasi (P).

Recupero: 2’+ 4’

Note: pomeriggio torrido, terreno sintetico in ottime condizioni